Ingrediente

Agretti

Agretti
Disponibilità: La raccolta degli agretti avviene in primavera, prima che la pianta fiorisca, in un periodo di tempo molto limitato. Presenti nei mercati da fine marzo a tutto maggio.

Parti utilizzate: La pianta è alta circa 70 cm, ha un fusto legnoso e varie ramificazioni che danno vita alle foglie commestibili, gli agretti appunto che sono i germogli e i rametti più giovani e teneri. Sono riuniti in cespuglietti molto sottili, quasi tubolari come l'erba cipollina, di colore verde scuro e lunghe fino a 30 cm.

Descrizione e impiego:

Gli agretti, chiamati anche “barba del frate” o “senape dei frati” o “roscani” a seconda delle regioni, sono arbusti tipici delle zone costiere mediterranee appartenenti alla famiglia delle Chenopidacee. Devono il loro nome al sapore tendenzialmente acre.
Essendo una verdura molto delicata, una volta acquistata va conservata in frigorifero in sacchetti di carta e consumata entro 3 giorni.
Dopo un'accurata pulizia - che inizia eliminando le radici alla base della barba di frate con un coltellino, poi tagliando la parte finale del gambo che non è molto tenere e saporita e, se presenti, eliminando anche eventuali micro foglioline gialle - si cucinano semplicemente in acqua bollente per circa 15 minuti o, meglio, cotti al vapore.
Una volta cotti si possono consumare conditi con olio extra vergine d'oliva e limone, aggiunti ad insalate o alle frittate oppure saltati in padella con aglio, acciughe e pomodoro. Sono ottimi serviti anche con del parmigiano grattugiato oppure con delle uova sode.
Un abbinamento più particolare è quello con il salmone affumicato, con prosciutto cotto e noci oppure come condimento degli spaghetti.
Gli agretti sono quindi molto buoni ed estremamente versatili!

CURIOSITA'
Le parenti selvatiche della barba di frate sono la Salsola soda e la Salsola kali, due piante conosciute per le loro ceneri ricche di carbonato di sodio e di potassio, con le quali in passato si produceva artigianalmente il vetro. Alla fine del Settecento, queste piante venivano coltivate fino in piena Laguna, a Venezia, per fornire materia prima alle vetrerie più prestigiose.

Proprietà, Valori nutrizionali:
Gli agretti ricchi di acqua e fibre contengono potassio, caroteni, vitamina C e B3 e soprattutto calcio. Proprio per la loro composizione nutrizionale sono molto diuretici, rimineralizzanti e depurativi. Grazie al contenuto di sali minerali e clorofilla, gli agretti facilitano l’eliminazione delle scorie e depurano il sangue da colesterolo e trigliceridi.
Sono rinfrescanti e leggermente tonici. Per sfruttare al meglio le loro caratteristiche nutrizionali l’ideale sarebbe consumarli ogni giorno per un mese, ben lavati e scottati al vapore.
Vengono inoltre utilizzati come antiage e, visto che contengono un’elevata quantità di pro vitamina A e calcio, sono un valido aiuto per contrastare le allergie cutanee e gli eczemi che molto spesso si presentano in primavera.
 

Scheda a cura di Orietta Sabadini, Operatrice ayurveda naturopatica

Categorie