FAQ - Domande frequenti

Se dai un’occhiati al Regolamento li troverai indicati al punto IV.

Si. Nella categoria C Master “Chef, ristoranti, alloggi” la voce corretta da selezionare è “Ristoranti con alloggio”.

Abbiamo creato due tutorial che spiegano cosa inserire e come fare un video utilizzando un semplice cellulare. Se però non vuoi provarci da solo abbiamo sottoscritto delle convenzioni con alcuni professionisti: presentando la tessera socio di Coqueat hai diritto ad uno sconto sui pacchetti standard.

Certo. Se vuoi condividere i tuoi video su social network diversi da quelli ufficiali dell’Associazione, puoi condividere direttamente il link del video che hai caricato nella tua Playlist nel canale Coqueat di YouTube.

In questa versione beta voi effettuate una prima selezione, sarete immediatamente reindirizzati appena pronto il motore di ricerca specifico.

Su Coqueat non ci sono e non ci saranno quote associative, chiediamo invece agli associati di partecipare attivamente tramite la pubblicazione di  almeno un video e/o una ricetta all'anno.
Potete però sostenerci con una donazione e se la vostra azienda è in linea con i principi dell’associazione, pubblicheremo il vostro logo aziendale in un’area dedicata ai nostri Angels. Una seconda opzione è proporci delle offerte in convenzione da inserire in un’apposita sezione, in tal modo gli associati potranno contattarvi direttamente se sono interessati ai vostri servizi.

Perché agli associati (e forse anche al pubblico) non interessa che ci sia. Ogni associato pubblicizza la propria attività virtuosa nella propria pagina e con le video ricette che posta per la comunità.

Coqueat è una Associazione di Promozione Sociale. Le società ed i privati che in qualsiasi momento dell’anno decideranno di fare una donazione a sostegno dell’attività dell’Associazione, beneficeranno delle deduzioni e/o detrazioni indicate nella pagina dei nostri Angels o donatori.

Il logo del donatore sarà pubblicato per un anno a partire dal giorno in cui COQUEAT ha verificato l’esistenza della donazione e soltanto se la donazione sia pari o superiore a € 500.00 (o se il valore di una collaborazione sia valutato equivalente). Resta facoltà del Consiglio Direttivo non accordare la pubblicazione del logo dell’azienda sostenitrice nella sezione del Sito dedicata ai donatori (“Angels”) di COQUEAT.

NO se sei un socio Coqueater, potrebbe essere scambiato per un post sponsorizzato e questi ultimi non sono ammessi; le inquadrature accidentali di marchi e loghi nei video saranno oscurate. SI se sei un produttore C-Master: nei video puoi naturalmente usare i tuoi prodotti.

Le proteine sono importanti per il benessere dell’organismo ma non c’è bisogno di carne per assumerle. Le ricette di Coqueat sono semplici; pochi zuccheri, sale, grassi e carne. Frutta e verdura, meglio farine integrali e non usiamo coloranti e aromi artificiali; limitiamo i fritti. Chiediamo ai soci di sperimentare e postare alternative in linea con questa visione: dunque, ad esempio, se volete postare una ricetta contenente carne, nei suggerimenti potreste proporre anche una variante vegetariana.
NON indicheremo il numero di calorie presenti nel piatto, la nostra cucina si propone in partenza come ipocalorica, saziante e di sapore. In presenza di preparazioni più caloriche o complesse - segnalate con un simbolino giallo o rosso - basterà ricordarsi che sono lo stile di vita ed un piano alimentare variato ed equilibrato a determinare l’impatto di una pietanza sulla propria salute o sul proprio peso: godiamoci il cibo imparando a seguire solo qualche piccolo accorgimento.

Si, escludendo l’utilizzo di strutto, olio di palma, di colza, del fegato d’oca ingrassato, di coloranti e aromi artificiali. Se puoi, non invitare all’uso di pasta frolla/sfoglia/brisé confezionata: seleziona da una ricetta “base” disponibile o magari inseriscila tu stesso.

Il biologico tutela il territorio, la biodiversità delle specie ed evita l’abuso di sostanze chimiche. C’è anche un biologico che non acquisteremmo: frutta e verdura biologica fuori stagione, acerba e/o fatta maturare in magazzino con i gas (come per altra frutta di importazione o di agricoltura convenzionale), oppure prodotti biologici di pessimo sapore… non c’è bisogno di rinunciare al piacere di mangiare, cercate il prodotto biologico che vi piace di più.
 

No. E’ l’equilibrio tra i diversi ecosistemi a garantire la sopravvivenza sul Pianeta: gli OGM non proteggono questo equilibrio, sono un prodotto redditizio da spingere su vasta scala.
Un Organismo Geneticamente Modificato è la ricombinazione artificiale di specie non compatibili in natura e può modificare le caratteristiche e le funzioni di animali, insetti, vegetali, parassiti e via dicendo in modo irreversibile, oltre che imprevedibile. Gli OGM riducono drasticamente la biodiversità e non risolvono il problema della fame nel mondo: sono legati alle monoculture delle specie più redditizie di uno specifico luogo che, come per l’agricoltura chimica, impoveriscono il livello di fertilità del suolo e sul lungo periodo non migliorano la condizione delle popolazioni locali. Non offrendo vantaggi ambientali o di salute, gli OGM non possono essere considerati un progresso in ambito agroalimentare e potremmo farne a meno.
(per approfondimenti http://www.infogm.org)

Non in questa prima fase, ma sono nella roadmap.

Pensiamo che il talento si sviluppi nel tempo partendo dal piacere genuino nel fare qualcosa. Anche un contributo creativo imperfetto ma generoso per noi è una forma d’arte di valore, perché espressione di una fiamma interiore feconda e innovatrice.

Non hai trovato la risposta che cercavi?

Contattaci